Foligno, murales per combattere il degrado

Cinque le aree destinate al genio creativo dei giovani writers. A dare l'ok la giunta comunale con un'apposita delibera

Il murales di via Cesare Battisti (foto di Alessio Vissani)

Murales per riqualificare alcune zone degradate della città ed evitare atti vandalici. È questa la strada che il Comune di Foligno ha deciso di intraprendere, accogliendo la richiesta avanzata dal consiglio comunale su proposta dell'esponente del Pd, Vincenzo Falasca. Così, con una delibera di giunta – che porta la data del primo settembre – sono stati individuati, di concerto con il personale dell'area lavori pubblici, gli spazi della città che ospiteranno i murales realizzati da giovani writers. Si tratta, nello specifico, di cinque aree. Ad essere interessati saranno quindi il sottopasso di via Tagliamento, quello delle “Condotte” in via Allende Gossens, quello che sorge tra il parcheggio del Plateatico e via Isolabella; ed ancora quello di Porta Ancona e quello ciclo-pedonale di viale Ancona. I murales non dovranno però risultare offensivi o lesivi della dignità delle persone, del credo religioso e degli orientamenti politici. Inoltre, durante la loro realizzazione, dovrà essere sempre garantito il transito pedonale e ciclabile e al termine delle attività tutte le aree dovranno essere libere dai rifiuti. I murales che verranno realizzati si andranno ad aggiungere alle opere cilene di via Nazario Sauro che portano la firma di José Balme e la data del 1974, quando a Foligno arrivò la Brigata Louis Corvalan. Opere che furono poi restaurate nel luglio del 2007, tramite il fondo sociale europeo per il programma “Equal” su iniziativa dell'associazione culturale “Platea”. Già nel 2005, comunque, la giunta folignate aveva concesso un contributo e l’autorizzazione per la realizzazione di murales sulle pareti del sottopasso delle “Condotte” di via Allende Gossens.  

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento