Spello, al via una nuova edizione di “Finestre, balconi e vicoli fioriti”

Tra le novità del 2020 l’avvio di una partnership con il Dipartimento di ingegneria civile ed ambientale di Perugia e la realizzazione di una pubblicazione con le foto degli allestimenti

Uno de vicoli fioriti di Spello

Prende il via, a Spello, una nuova edizione del concorso “Finestre, balconi e vicoli fioriti”, che da sedici anni ormai, celebra e premia il lavoro di tanti cittadini che, con amorevole passione, dedicano il loro tempo alla cura dei vicoli e degli angoli più suggestivi del borgo.

Promossa dalla Pro loco di Spello in collaborazione con il Comune e l’associazione Le Infiorate, l’iniziativa si arricchisce in questo 2020 di alcune novità, a cominciare dalla partnership con il Dipartimento di ingegneria civile e ambientale (DICA) dell'Università degli Studi di Perugia. Una collaborazione che, insieme a quella già consolidata con il Dipartimento di scienze agrarie, alimentari e ambientali (DSA3), consentirà di portare avanti con le loro professionalità nuove idee e progetti nell'ottica della valorizzazione e promozione della città e dell’Umbria.

A segnare la sedicesima edizione ci sarà, inoltre, la realizzazione di una pubblicazione, curata dal fotografo spellano Sante Castignani, che raccoglierà le foto degli allestimenti e dei protagonisti. Un volume che, oltre a rappresentare un prezioso ricordo da custodire, vuole essere anche uno strumento di promozione turistica.

“Anche quest’anno - ha commentato a questo proposito il sindaco Moreno Landrini - gli splendidi vicoli e scorci della città si offrono ai visitatori e alla comunità facendo da cornice al ricco patrimonio storico-artistico”.

“In questa edizione straordinaria - gli ha fatto eco il presidente della Pro Spello, Fabrizio De Santis - abbiamo voluto che siano i cittadini il centro focale per comunicare e promuovere l’accoglienza, attraverso le persone che dedicano il loro tempo con passione e tanto impegno per trasformare Spello in un paradiso botanico. E siamo certi - ha concluso - che la pubblicazione curata dal fotografo spellano Sante Castignani diventi un prodotto pregiato mai realizzato finora in nessuna realtà e di forte impatto comunicativo”.

Logo rgu.jpg

di Maria Tripepi

Aggiungi un commento