Gioventù Musicale, 8 borse di studio nel segno del Piermarini. De Bonis: “Grande segnale”

La realtà guidata dal maestro Pelli sta portando avanti il 25esimo concorso grazie al contributo della Fondazione Carifol. Pur in emergenza, sono 480 gli studenti che partecipano

Un evento organizzato dalla Gioventù Musicale

La grande musica non si ferma, nemmeno ai tempi del coronavirus. E' al rush finale il progetto “Guida all'ascolto”, curato dalla Gioventù Musicale di Foligno che vede in prima linea gli studenti del territorio, chiamati a partecipare alla venticinquesima edizione del relativo concorso. Sul piatto ci sono otto borse di studio da trecento euro ciascuna, messe a disposizione grazie al prezioso contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Foligno. Il tema, di carattere storico, quest'anno è dedicato al grande architetto folignate Giuseppe Piermarini, famoso per aver realizzato il teatro della Scala di Milano. Il tema, assegnato quest'anno da un gruppo di lavoro costituito da professori delle varie scuole ed istituti, ha voluto porre al centro dell'attenzione la figura e l'opera dell'artista folignate, che ha reso famosa in tutto il mondo la città umbra. Il concorso è inserito all'interno della ricca stagione di appuntamenti della Gioventù musicale: 12 concerti e 12 seminari didattici all'insegna dell'amore per la grande musica al mattino, insieme a quattro eventi serali. Obiettivo è ovviamente quello di accrescere nei giovani l'amore per la musica in ogni sua forma, attraverso la conoscenza dei vari generi, stili e forme musicali. Alle lezioni-concerto tenute da professori e figure illustri del mondo musicale, si aggiungono anche laboratori musicali e le master classes. Rispetto ai concerti, la situazione contingente ha ovviamente portato ad una loro sospensione, ma nel frattempo il concorso dedicato ai ragazzi continua ad andare avanti e si concluderà il 30 aprile. A tenere i seminari sono stati i professori Stefano Ragni e Luigi Maria Reale, insieme al maestro Giuseppe Pelli. Hanno partecipato attivamente il liceo classico “Frezzi-Beata Angela”, lo scientifico “Marconi”, l'Ite “Scarpellini”, l'istituto comprensivo “Piermarini” ed il “Galilei” di Sant'Eraclio. La Gioventù Musicale guidata dal maestro Giuseppe Pelli sta organizzando una nuova formula per l'assegnazione delle otto borse di studio. “E' giusto mettere in evidenza – spiega il maestro Pelli – l'importanza di questo progetto mirato al mondo giovanile, che in questo momento particolare che stiamo vivendo va interpretato come segno di rinascita e ripartenza per la città”. In totale hanno partecipato 480 studenti: “A loro e ai professori – sottolinea il maestro Giuseppe Pelli – va una nota di apprezzamento, visto che la situazione di emergenza che stiamo vivendo non gli ha impedito di rispondere positivamente al concorso, con l'invio telematico degli elaborati fatti”.

L'ASSESSORE - “Tutte le iniziative portate avanti dalla Gioventù musicale hanno avuto un grande seguito – commenta l'assessore Paola De Bonis, che ha la delega alla scuola -. I ragazzi hanno partecipato numerosi e con entusiasmo a tutti gli appuntamenti. Questi progetti avvicinano i giovani a generi musicali diversi da quelli che sono soliti ascoltare, educandoli ad un altro tipo di musica. Come Comune – prosegue l'assessore De Bonis – siamo contenti di aver patrocinato questa iniziativa. Inoltre, le borse di studio rappresentano un incentivo che, in questo periodo di difficoltà per le famiglie, diventa ancor più importante. Credo sia un bellissimo segnale, soprattutto per quegli studenti bravi e che si impegnano: attraverso le borse di studio avranno un contributo in più che si ripercuoterà favorevolmente anche nei confronti delle loro famiglie”.

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento