Alberghi, ad agosto prenotazioni in calo nel folignate: “Il territorio è fermo”

I dati delle strutture alberghiere in controtendenza rispetto a quelle extralberghiere. Anche Federalberghi ha incontrato la nuova amministrazione comunale

Uffici promozione turistica comune di Foligno

Bene i bed&breakfast, male gli alberghi. Potrebbero essere sintetizzate così le previsioni agostane e ferragostane delle strutture ricettive del territorio folignate. Solamente pochi giorni fa, Francesco Piermarini dell'associazione di b&b “Nel Cuore verde dell'Umbria”, aveva parlato di bilancio positivo per l'extralberghiero. “Si vede la luce in fondo al tunnel” aveva detto alla nostra redazione Piermarini. Dichiarazioni che non trovano però conferme anche nel settore alberghiero. Già, perché stando a quanto riporta la sezione folignate di Federalberghi, quest'anno ad agosto le prenotazioni sono in calo rispetto allo scorso anno. Dopo un luglio tutto sommato discreto, soprattutto nei primi quindici giorni, ora il trend sembra andare verso il basso. “Lo stallo si vede ed il territorio è fermo – commenta Elisa Cesarini, responsabile cittadina di Federalberghi –, aspettiamo periodi migliori per cercare di recuperare”. Insomma, le previsioni non sono buone per l'ultimo mese di piena estate. La speranza è che gli eventi in programma da settembre e fino alla fine dell'anno possano rimpolpare un po' la situazione degli alberghi di Foligno. Nel frattempo, anche Federalberghi ha incontrato la nuova amministrazione comunale: “Abbiamo avuto un incontro con il sindaco e l'assessore Michela Giuliani – spiega Elisa Cesarini -. E' stato un colloquio conoscitivo ed è andata bene: ora aspettiamo nuovi incontri per approfondire le varie questioni legate al turismo”. Una delle partite aperte è sicuramente quella dell'abusivismo. Proprio lo scorso mese di febbraio, Federalberghi Foligno aveva consegnato all'amministrazione comunale un documento per cercare di contrastare un fenomeno pericoloso. All'interno della relazione in possesso anche della polizia locale, l'elenco di 324 strutture del territorio che si promuovono sul web, di cui solamente 210 sono presenti nei registri comunali. Una discrepanza che ha fatto scattare il campanello d'allarme da parte degli albergatori.

Fabio Luccioli

di Fabio Luccioli

Aggiungi un commento