L’azienda umbra Fertitecnica Colfiorito tra le 1000 aziende “champions” 2022

L'azienda umbra è finita nella classifica stiolata dal Centro Studi ItalyPost per L'Economia del Corriere della Sera grazie alla crescita del fatturato, utili e solidità finanziaria

Il management Fertitecnica Colfiorito

Nuovo prestigioso riconoscimento per Fertitecnica Colfiorito srl che si conferma tra le punte di diamante del tessuto imprenditoriale Italiano. L’azienda umbra è stata, infatti, inserita tra le 1000 aziende “champions” selezionate in base all’analisi sui bilanci degli ultimi sei anni condotta dal Centro Studi ItalyPost per L’Economia del Corriere della Sera.

La ricerca, come spiegato nella presentazione dei risultati, restituisce uno spaccato importante del made in Italy, resiliente e competitivo sui mercati globali, tra governance familiare e catene di comando più managerializzate, e un dato in comune su tutti: la costanza nell’innovazione e la cura dei propri collaboratori.

Tuttavia, ciò che caratterizza queste imprese, oltre ai risultati raggiunti, è la capacità di crescere anche nei momenti di crisi, come confermano le previsioni contenute nella ricerca secondo cui queste aziende, in media, dichiarano di crescere del 10% (causa inflazione) in termini di fatturato, ma di un ulteriore 2,5% in termini di ebitda e di utili netti.

Fertitecnica Colfiorito, leader di mercato dei legumi secchi, cereali e semi, ha mostrato risultati di crescita di fatturato, utili e solidità finanziaria di eccellenza.

Grande soddisfazione è stata espressa da Luca Mattioni che rappresenta la seconda generazione alla guida dell’azienda, di cui è anche Direttore Commerciale: “E’ un onore ricevere questo premio ha detto - che non solo riconosce anni di investimenti continui nella forza dell’azienda, ma anche i nostri valori. Lavoriamo con una squadra in crescita, che combina attenzione familiare e contributi manageriali, competenze consolidate e trasferimento di esse ai giovani. È così che possiamo essere sempre protesi per innovare e generare un benessere diffuso e sostenibile: per le persone, per il territorio, per l’ambiente.”.

 Il premio sarà ritirato il 1° luglio a Prato, in occasione di un incontro che coinvolgerà altre imprese dei territori limitrofi riconosciute come “champions”. In questa occasione interverrà il Direttore Generale dell’azienda, Alessio Miliani: “Sarà un’occasione – ha sottolineato Miliani - per confrontarsi con altre realtà che, come la nostra, stanno reagendo al momento di crisi aumentando gli sforzi e gli investimenti. Merito anche del nostro approccio globale alla crescita condivisa, fortemente improntata su principi di sostenibilità: basti pensare che stiamo rinnovando proprio in queste settimane il nostro storico accordo con FAO, l'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'alimentazione e l'agricoltura, per nuovi progetti di sviluppo a lungo termine. Il riconoscimento riflette anche quello che stiamo ricevendo da parte dei consumatori sul nostro mercato, in cui siamo l’unico marchio che continua a crescere, grazie anche agli sforzi fatti per comunicare i valori del nostro marchio“.

Proprio per le sue attività di comunicazione l’azienda aveva appena ricevuto un altro premio, stavolta in occasione del Cibus di Parma, la più importante fiera italiana del settore alimentare. “Abbiamo vinto il Tespi Award 2022 – ha spiegato Michele Santilocchi, responsabile marketing - per la nostra comunicazione all’interno dei punti vendita, che realizziamo con esposizioni di grande impatto, che hanno il pregio di presentare i prodotti in maniera molto chiara per il consumatore e fornendogli anche utili informazioni nutrizionali e sulle caratteristiche di prodotto, così che possa orientare meglio le sue scelte. È uno degli esempi migliori di come affrontiamo la comunicazione: non solo per pubblicizzare il nostro marchio, ma per accompagnare i consumatori fornendo loro un servizio che abbia valore e significato. È anche in questo modo che aiutiamo a promuovere abitudini alimentari virtuose, nel rispetto delle preferenze e richieste dei consumatori".

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento