Imu, entro metà giugno l’acconto per il 2021

Due le rate che andranno versate complessivamente dai contribuenti: il saldo a dicembre. Invariate le aliquote rispetto all’anno precedente

Palazzo comunale di Foligno

Scadrà mercoledì 16 giugno il termine per il pagamento dell’acconto Imu per il 2021 da parte dei contribuenti tenuti al versamento, in base alle aliquote approvate per l’anno corrente dal consiglio comunale lo scorso 30 marzo ed in vigore dal primo gennaio. Aliquote che sono rimaste invariate rispetto all’anno precedente. Due le rate previste: la prima, in acconto, andrà versata - come detto - entro il 16 giugno prossimo; la seconda, a saldo invece, il 16 dicembre. Dal pagamento sono esentate le specifiche categorie previste dalla normativa statale in tema di emergenza sanitaria Covid-19. In particolare, dal Comune di Foligno ricordano come sia stata disposta l’esenzione dalla prima rata dell'Imu degli immobili posseduti dai soggetti passivi per i quali ricorrono le condizioni per la fruizione dei contributi a fondo perduto stanziati dal Decreto legge 41/2021. I soggetti potenzialmente beneficiari dell’esenzione sono quelli interessati dall’articolo 1 del decreto, che riserva specifici contributi a fondo perduto in favore dei titolari di partita Iva, residenti in Italia, esercenti attività di impresa, arte o professione, ovvero titolari di reddito agrario. Si tratta, quindi, di coloro che esercitano, per professione abituale, ancorché non esclusiva, le attività commerciali previste dall’articolo 2195 del Codice civile o attività artistiche o professionali. Compresi, inoltre, gli imprenditori agricoli che producono reddito agrario.

Come ottenere ulteriori informazioni

Il servizio fiscalità sugli immobili del Comune di Foligno è a disposizione per ogni approfondimento o chiarimento sull’applicazione dell’Imu 2021 (e della Tasi per le annualità precedenti al 2020). Da palazzo Orfini Podestà ricordano, poi, come sia sempre bene verificare la propria situazione catastale attraverso una specifica visura. Inoltre chi non avesse pagato Imu o Tasi delle annualità precedenti o lo avesse fatto in misura inferiore al dovuto, può procedere al cosiddetto “ravvedimento operoso” per non incorrere in sanzioni maggiori.

Indicazioni da seguire

È sempre consigliato, ferma restando la conferma delle aliquote, verificare se la situazione dei propri immobili è cambiata: se si è modificata la rendita catastale di un immobile a seguito di una variazione per lavori, se si è venduto un immobile, se si è diventati proprietari di un altro immobile, se è cambiata la modalità di utilizzo dell’unità immobiliare, se l’area edificabile ha subìto una variazione (per effetto della realizzazione di opere di urbanizzazione o inizio dell’attività edificatoria).

Calcolo Imu online

Attraverso l’apposito programma utilizzabile online mediante il sito internet istituzionale del Comune di Foligno (www.comune.foligno.pg.it) è possibile procedere al calcolo dell’imposta o del tributo previsto e alla stampa del modello F24 per il pagamento.

Il servizio fiscalità sugli immobili è comunque a disposizione per ogni fornire ogni altro chiarimento o informazione, fermo restando che al momento gli uffici comunali sono chiusi al pubblico e i servizi fruibili con le modalità stabilite dall’amministrazione comunale. Per migliore informazione è possibile consultare il sito internet istituzionale.

Servizi in periodo di emergenza COVID-19

Il servizio fiscalità sugli immobili è a disposizione in questo periodo di emergenza Covid-19 con le seguenti modalità: email imu@comune.foligno.pg.it; telefono 0742-330790/792/ 769/793. Per accedere agli uffici è necessario fissare preventivamente un appuntamento.

Logo rgu.jpg

di Redazione

Aggiungi un commento