Serie D, i Falchetti restano in attesa e si allenano a casa

L'ultimo comunicato della Lega prevede la ripresa delle gare il 3 aprile, ma oramai questa data è superata dagli eventi. Come finirà la stagione? Oramai non resta che attendere

Antonio Armillei (foto Vissani)

Per il Foligno il quando della ripresa è sempre più un punto interrogativo. La data ufficiale per la ripartenza del calcio dilettantistico resta il 3 aprile. E’ quello il giorno fissato dall’ultimo comunicato della Lega. Un termine che però è ormai superato dagli eventi. Difficile, per non dire impossibile, che la serie D possa effettivamente ripartire il 5 aprile. Anche perché significherebbe consentire gli allenamenti già da un paio di settimane prima. Ovvero tra pochi giorni. Cosa che appare in aperto contrasto con le ultime indicazioni sull’emergenza coronavirus.

I giocatori del Foligno, tutti rientrati nelle loro città, continuano ad allenarsi ognuno a casa propria ormai da diversi giorni. In casa biancazzurra ancora non si pensa a riprendere il lavoro comune in gruppo. Ed è difficile solo pensare a una programmazione. A questo punto appare improbabile che si possa tornare a giocare prima del 3 maggio, data che avrebbe dovuto segnare la fine della serie D. Un termine che permetterebbe alle società dilettantistiche di riprendere gli allenamenti dopo Pasqua. Una data che resta ancora puramente indicativa, quasi una speranza. Come si proseguirà, con turni infrasettimanali, abolendo playoff e playout, resta ancora una grande incognita. Al Foligno, come a tutte le società, non resta che attendere ancora per capire come finirà questa tribolata stagione.

Logo rgu.jpg

di Simone Lini

Aggiungi un commento